Biografia

I Vescovi  hanno ricevuto il ministero della comunità per esercitarlo con i loro collaboratori, sacerdoti e diaconi. Presiedono in luogo di Dio al gregge di cui sono pastori quali maestri di dottrina, sacerdoti del sacro culto, ministri del governo della Chiesa. Come quindi è permanente l’ufficio dal Signore concesso singolarmente a Pietro, il primo degli apostoli, e da trasmettersi ai suoi successori, cosi è permanente l’ufficio degli apostoli di pascere la Chiesa, da esercitarsi in perpetuo dal sacro ordine dei Vescovi. Perciò il sacro Concilio insegna che i vescovi per divina istituzione sono succeduti al posto degli Apostoli quali pastori della Chiesa, e che chi li ascolta, ascolta Cristo, chi li disprezza, disprezza Cristo e colui che ha mandato Cristo (cfr. Lc 10,16).

CONCILIO ECUMENICO VATICANO II, Costituzione Dogmatica “Lumen Gentium“, 20.

S.E. Mons. Francesco Nolè

per Grazia di Dio e designazione della Sede Apostolica 
Arcivescovo Metropolita di Cosenza-Bisignano


Nasce a Potenza il 9 giugno 1948, entra il 20 settembre 1959 tra i Frati Minori Conventuali di Ravello, dove inizia la sua formazione umana, spirituale, religiosa e culturale, che poi prosegue a Nocera Inferiore, Portici, Sant’Anastasia e Roma.

Presso la Facoltà Teologica Seraphicum di Roma compie gli studi filosofici e teologici; presso la Sezione S. Luigi della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale di Napoli consegue la Licenza in Teologia Morale e presso l’Università Statale di Cassino la laurea in Pedagogia. Il 4 ottobre 1965 a Montella emette la professione temporanea e a Nocera Inferiore il 1º novembre 1971 la professione perpetua e viene ordinato sacerdote il 2 settembre 1973 a Potenza da S. E. Mons.Vittorio Costantini, OFM Conv., Vescovo di Sessa Aurunca.

Viene subito destinato a Nocera Inferiore, nel Convento di Sant’Antonio, prima come vice-direttore e poi come Rettore dei ragazzi delle scuole medie aspiranti alla vita religiosa.

Nel 1976 viene trasferito a Benevento, come Rettore dei postulanti del Ginnasio-Liceo fino al 1982. Nello stesso anno, durante il Capitolo Provinciale, è nominato Vicario provinciale e guardiano-parroco di S. Antonio in Portici. Nel 1991 viene inviato nuovamente a Benevento come guardiano e Rettore dei Postulanti. Nel giugno 1992 è chiamato a Roma a dirigere il Centro Missionario Nazionale fino al 28 aprile 1994.

Nello stesso anno, durante il Capitolo Provinciale tenuto a Nocera, è eletto Mi-nistro Provinciale della Provincia di Napoli, che comprende Campania e Basilicata.

Il 30 aprile 1997 è confermato Ministro Provinciale per altri quattro anni.

Il 4 novembre 2000 viene eletto alla sede vescovile di Tursi-Lagonegro ed è consacrato Vescovo nella Basilica di Pompei il 10 dicembre 2000 da S.E. Mons. Giovanni Battista Re, Prefetto della Congregazione per i Vescovi.

È stato membro della Commissione Episcopale per Clero e la Vita consacrata della Conferenza Episcopale Italiana e delegato della Conferenza Episcopale di Basilicata per la Famiglia, la Liturgia e per l’Economia della Provincia Ecclesiastica.

Il 15 maggio 2015 papa Francesco lo nomina Arcivescovo Metropolita di Cosenza-Bisignano. Il 29 giugno riceve il pallio nella Basilica di San Pietro in Vaticano da Papa Francesco. Il 4 luglio prende possesso dell’Arcidiocesi nella Cattedrale di Cosenza.

Il 14 febbraio 2016 il Nunzio Apostolico in Italia, Mons. Adriano Bernardini, gli impone il Pallio.

Attualmente è delegato della Conferenza Episcopale Calabra per la Liturgia, il Clero e la Vita Consacrata.